Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

giovedì 20 marzo 2008

Donna de Paradiso di Jacopone da Todi

Duccio di Buoninsegna*Al Calvario
«Donna de Paradiso,
lo tuo figliolo è priso
Iesù Cristo beato.
Accurre, donna e vide
che la gente l'allide;
credo che lo s'occide,
tanto l'ò flagellato»
«Cristo, la spene mia,
om l'avesse pigliato».
«Madonna, ello è traduto,
Iuda sì ll'à venduto;
trenta denar' n'à auto,
fatto n'à gran mercato».
«Soccurri, Madalena,
iona m'è adosso piena!
Cristo figlio se mena,
como è annunzïato».
«Soccurre, donna, adiuta,
cà 'l tuo figlio se sputa
e la gente lo muta;
ònlo dato a Pilato».
«O Pilato, non fare
el figlio meo tormentare,
ch'eo te pòzzo mustrare
como a ttorto è accusato».
«Crucifige, crucifige!
Omo che se fa rege,
secondo nostra lege
contradice al senato».
«Prego che mm'entenniate,
nel meo dolor pensate!
Forsa mo ve mutate
de que avete pensato».
«Traiàn for li latruni,
che sian sui compagnuni;
che spine s'encoroni,
ché rege ss'è clamato!».
«O figlio, figlio, figlio,
figlio, amoroso giglio!
Figlio, chi dà consiglio
al cor me' angustïato?
Figlio occhi iocundi,
figlio, co' non respundi?
Figlio, perché t'ascundi
al petto o' si lattato?».
«Madonna, ecco la croce,
che la gente l'aduce,
ove la vera luce
déi essere levato».
«O croce, e que farai?
El figlio meo torrai?
E que ci aponerai,
che no n'à en sé peccato?».
«Soccurri, plena de doglia,
cà 'l tuo figliol se spoglia;
la gente par che voglia
che sia martirizzato».
«Se i tolli'el vestire,
lassatelme vedere,
com'en crudel finire
tutto l'ò ensanguenato».
«Donna, la man li è presa,
ennella croc'è stesa;
con un bollon l'ò fesa,
tanto lo 'n cci ò ficcato.
L'altra mano se prenne,
ennella croce se stenne
e lo dolor s'accenne,
ch'è più multiplicato.
Donna, li pè se prenno
e clavellanse al lenno;
onne iontur' aprenno,
tutto l'ò sdenodato».
«Et eo comenzo el corrotto;
figlio, lo meo deporto
figlio, chi me tt'à morto,
figlio meo dilicato?
Meglio aviriano fatto
ch'el cor m'avesser tratto,
ch'ennella croce è tratto,
stace descilïato!».
«O mamma, o' n'èi venuta?
Mortal me dà' feruta,
cà 'l tu plagner me stuta
ch'el veio sì afferrato».
«Figlio, ch'eo m'aio anvito,
figlio, pat'e mmarito!
Figlio, chi tt'à firito?
Figlio, chi tt'à spogliato?».
«Mamma, perché te lagni?
Voglio che tu remagni,
che serve li miei compagni,
ch'êl mondo aio aquistato».
«Figlio, questo non dire!
Voglio teco morire,
non me voglio partire
fin che mo 'n m'esc'el fiato.
C'una aiàn sepultura,
figlio de mamma scura,
trovarse en afrantura
mat'e figlio affocato!».
«Mamma col core afflitto,
entro 'n le man' te metto
de Ioanni, meo eletto;
sia to figlio appellato.
Ioanni, èsto mea mate:
tolilla en caritate,
àginne pietate,
cà 'l core si à furato».
«Figlio, l'alma t'è 'scita,
figlio de la smarrita,
figlio de la sparita,
figlio attossecato!
Figlio bianco e vermiglio,
figlio senza simiglio,
figlio e a ccui m'apiglio?
Figlio, pur m'ài lassato!
Figlio bianco e biondo,
figlio volto iocondo,
figlio, perché t'à el mondo,
figlio, cusì sprezzato?
Figlio dolc'e piacente,
figlio de la dolente,
figlio àte la gente
mala mente trattato.
Ioanni, figlio novello,
morto s'è 'l tuo fratello.
Ora sento 'l coltello
che fo profitizzato.
Che mora figlio e mate
d'una morte afferrate,
trovarse abbraccecate
mat'e figlio impiccato!».

2 commenti:

Francesca Vicedomini ha detto...

La più bella poesia di tutti i tempi sulla Pasqua. Francesca

tenutafiore ha detto...

Jacopone è davvero un grande mistico. A me piaccione molto anche le sue laudi sul Natale, anche se sono meno conosciute e la sua visione tenerissima della Nascita
http://www.jacopone-da-todi.com/nativit.htm