Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

lunedì 14 luglio 2008

Madrigale d'estate di Federico Garcia Lorca

Antonia la gallega/Ignacio Zabaleta Y Zuloaga
Unisci la rossa tua bocca alla mia,
o Estrella gitana!
Sotto l'ora solare del mezzogiorno
morderò la Mela.
Fra i verdi ulivi della collina
c'è una torre moresca,
colore della tua carne agreste
che sa di miele e d'aurora.
Mi offri nel tuo corpo ardente
il divino nutrimento
che dà fiori al ruscello quieto
e stelle al vento.
Come ti donasti a me, luce bruna?
Perché mi desti pieni
d'amore il sesso di giglio
e la sonorità dei tuoi seni?
Fu per la mia tristezza?
(oh, miei goffi passi!)
Forse destò pietà in te
la mia vita spenta di canti?
Perché non hai preferito ai miei lamenti
le cosce sudate
di un San Cristoforo contadino
pesanti in amore e belle?
Danaide del piacere sei con me.
Femminile Silvano.
I tuoi baci odorano come il grano
secco dall'estate.
Oscurami la vista col tuo canto.
Sciogli la tua chioma
dispiegata e solenne come un manto
d'ombra sopra i prati.
Dipingi con la bocca insanguinata
un cielo d'amore,
su un fondo di carne, la stella
violetta del dolore.
Prigioniero è il mio cavallo Andaluso
dei tuoi occhi aperti,
e volerà desolato e assorto
quando li vedrà morti.
Se tu non m'amassi t'amerei
per il tuo sguardo cupo
come l'allodola ama il giorno nuovo
per la rugiada.
Unisci la rossa tua bocca alla mia,
o Estrella gitana!
Lasciami sotto il giorno chiaro
consumare la mela.

4 commenti:

Alice ha detto...

Cara Francesca,
come sempre Garcìa Lorca prende la mano a Neruda in quanto a dolcezza ed espressioni e immagini vive e dirette. pensa che ora voglio far stampare un volumetto di poesie scritte da me, tutte omaggio a questo poeta, che come avrai ben capito, è il mio preferito :)

ti auguro una buona giornata.
Alice

Francesca Vicedomini ha detto...

Non ho capito il tuo preferito è Neruda o Garcia Lorca? Il mio è Neruda, è il Dio dei poeti. Comunque quando avrai pubblicato il volumetto desidererei averne il titolo. Mi interessa

Anonimo ha detto...

Quello che preferisco è proprio Garcìa Lorca, ma come dici tu, anche Neruda è da considerare il Dio dei poeti: in ogni sua poesia par quasi che sia la natura e l'amore a parlare. ti ringrazio per l'interesse riguardo al volumetto cara Francesca, anche se per pubblicarlo ci vuole tanta fortuna, ahimè.. :( in ogni caso, farò il possibile per farti avere qualcosa.

Anonimo ha detto...

It's the best time to make some plans for the future and it is time to be happy. I have read this post and if I could I want to suggest you few interesting things or suggestions. Maybe you could write next articles referring to this article. I want to read more things about it!

my web site; click here