Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

venerdì 5 ottobre 2007

Verso sud di Guillaume Apollinaire

Herter*Ragazza dai capelli rossi
Zenit
Tutti quei rimpianti
Quei giardini sconfinati
Dove modula il rospo un tenero grido d'azzurro
La cerva del silenzio sperduto rapida passa
Un usignolo straziato dall'amore canta sul
Tuo corpo giardino di rose che ho colto
I nostri cuori pendono uniti dallo stesso melograno
E i fiori di granato nei nostri sguardi schiusi
Cadendo poco a poco hanno coperto il sentiero.

2 commenti:

silvasilvae ha detto...

grazie per aver pubblicato questa splendida poesia in questa cornice così bella qual è questo blog

Francesca Vicedomini ha detto...

Grazie a te, è sempre bello trovare nuovi amici di poesia.