Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

martedì 23 marzo 2010

Arie VII-IX-XLI di Pietro Metastasio

Alexandra Pavlovna/Borovikovsky VII
Alla stagion novella
fin dall'opposto lido
torna la rondinella
a riveder quel nido,
che il verno abbandonò.
Così il mio cor fedele,
nel suo penar costante,
ritorna al bel sembiante,
che per timor lasciò.
IX
Vedeste mai sul prato
cader la pioggia estiva?
Talor la rosa avviva
alla viola appresso:
figlio del prato istesso
è l'uno e l'altro fiore;
ed è l'istesso umore,
che germogliar li fa.
Il cor non è cangiato,
se accusa o se difende.
Una cagion m'accende
di sdegno e di pietà.
XLI
VENERE Odi l'aura che dolce sospira;
mentre fugge scotendo le fronde,
se l'intendi, ti parla d'amor.
PALLADE Senti l'onda che rauca s'aggira;
mentre geme radendo le sponde,
se l'intendi, si lagna d'amor.
(a due) Quell'affetto chi sente nel petto
sa per prova se nuoce, se giova,
se diletto produce, o dolor.

4 commenti:

Yuria Mizujima ha detto...

Giuro, pur sapendo chi è Metastasio, non ho mai letto quasi nulla delle cose che ha scritto.
Pregiudizio, senza alcun dubbio.

Francesca Vicedomini ha detto...

Non è questo il luogo per spiegazioni "scolastiche" che qualcuno saprà dare sicuramente meglio di me. Metastasio è il 700, è la musica di Vivaldi e di Haendel. Ed è stato anche un grande librettista operistico.So che non è molto conosciuto, una volta mi trovavo in giardino da mia suocera (che abita vicino a via Metastasio)e si fermano due ragazzotti in macchina e mi chiedono: Per favore sa dirmi dov'è via METASTADIO???

Anonimo ha detto...

Un mio vecchio "incontro"
un giorno mi disse di Proust
"chi? il corridore di formula 1?"

"Vuolsi così colà..."

Gujil

Francesca Vicedomini ha detto...

"Nati non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza ".