Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

sabato 17 dicembre 2011

La neve di Gianni Rodari

Carl Larsson*Greta Arnbom
Che bella neve,
che invenzione la neve di lana e di cotone…
Non bagna i guanti né le mani senza guanti,
né i piedi senza scarpe,
né i nasi senza sciarpe,
né le teste senza cappello,
né i cappelli senza ombrello,
né le stufe senza carbone,
questa bellissima invenzione,
la neve di lana e di cotone.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

A me piace tantissimo la neve! Ciao e buon weekend! Gianfranco.

Francesca Vicedomini ha detto...

Anche quella finta???
Ciao Gianfranco buon w.e. a te.

Rose ha detto...

Il frutto del cotone è una pallina di neve! :D


Abbraccio i viandanti che si fermano qui.

Di nuovo, buona fine di settimana.

Francesca Vicedomini ha detto...

Frutto del cotone, mi ricorda le piantagioni e gli schiavi, mi mette tristezza...buona fredda serata!

Ardea Cinerea ha detto...

Nel mondo attuale le cose finte sono in maggior numero di quelle vere. O forse è sempre stato così...

Buone Feste a tutti.

Rose ha detto...

È vero: non si può non pensare allo schiavismo, però la pianta è bella e innocente! :)