Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

venerdì 7 dicembre 2012

Vorrei morire a teatro di Maria Luisa Spaziani

Gustav Klimt*1888
Vorrei morire a teatro come Molière,
anche se quella sera non ci recito.
Preferirei la Scala, il regno dei miei fasti
di giovinezza, in palco con Montale.
(Eviterei i riti dell'agonia
tra parenti vocianti, vicini curiosi,
e il prete che mi porge i suoi conforti
in fretta perchè ha un altro funerale.)
I quaranta rastrelli luminosi
delle pareti d'oro avvolgeranno
i miei ultimi sguardi come frecce
a poco a poco sarà devastante,
boa che toglie il fiato, risucchiante
corolla di una pianta carnivora.
(La luna è già alta)

7 commenti:

Francesca Vicedomini ha detto...

Buona Prima di stasera, si doveva scegliere tra Verdi e Wagner,(entrambi alle prese col prossimo bicentenario),
io avrei scelto Verdi, fermo restando che la musica non ha confini. Wagner è un grande musicista, ma io la penso come Woody Allen: "Quando lo sento mi viene voglia di invadere la Polonia..."
Sta leggermente nevicando....buona serata!

Rose ha detto...

Ho visto la moglie di Grilli con la stola di pelliccia e mi è venuto il voltastomaco.

Verdi e Wagner... Oddio, a me il Tannhäuser piace e non reggo l'Aida.
La cosa ironica è che Wagner non era nazista (muore prima dell'avvento di Hitler) ma i nazi hanno intuito che la sua musica si prestava ai loro disegni. Un po' quello che è toccao a Nietzsche, se pure per motivi diversi.
Comunque la battuta di Woody Allen fa ridere.

Rose ha detto...

Il commento è partito senza i saluti serotini: rimedio.

Buon 8 dicembre. Freddo e chiaro.

Francesca ha detto...

Cara Francesca, la mia stima per te cresce giorno dopo giorno. Complimenti per le tue scelte letterarie, artistiche, musicali, per tutto...

José María Souza Costa ha detto...

Invitación
Yo soy brasileño, y tengo un blog, muy simple.
Estoy lhe invitando a visitar-me, y se posible, seguimos juntos por ellos.
Fuerza, Alegría y Amizad.
Ven acá, y deja un comentário, para YO, seguí en su blog con facilidad.
Yo, estoy te seguyendo.
Abrazos, del Brazil.

www.josemariacosta.com



ellie ha detto...

decisamente meglio di un letto d'ospedale :) e chissà se prima di spengerci, su quel palco si riesce a sentire ogni forma d'arte che l'ha fatto vivere.
un abbraccio

Francesca Vicedomini ha detto...

Mamma mia che gentili che siete, tutti a leggere e commentare, Vi ringrazio di cuore.
Rose, sono d'accordo sulla grandezza di Wagner, ma da quando ho visto Woody, uscire di corsa dal MET e dire quella frase alla moglie Diane Keaton, ogni volta che sento un Wagner mi fa sorridere.
Francesca, sei davvero troppo buona, dopotutto è una cosa che mi piace fare...
Josè Maria verrò a visitarti.
Ellie grazie anche a te e un abbraccio.
Buona Immacolata a tutte/i.