Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

sabato 19 novembre 2011

Ricordi azzurro chiari di Nadia Anjuman

William T. Wood*Autumn roses
Oh esiliati dell’anonima montagna,
Oh gioielli dai nomi soffocati nella palude del silenzio,
Oh voi, di cui il ricordo pallido si è smarrito
nell’acqua torbida del mare della dimenticanza,
dov’è finita la limpida origine dei vostri pensieri?
Quale mano devastante si è portata via i vostri volti aurei?
In questo vortice, artefice del buio,
dov’è finita la vostra calma lunare?
Se, dopo questo tormento, portatore di morte,
il mare si calmasse,
se le nuvole si svuotassero di sofferenza,
se la luna portasse affetto,
giungerebbe il sorriso?
Se il cuore della montagna si intenerisse,
crescerebbe l’erba e ci sarebbe l’abbondanza?
Sulle sue alte vette, uno dei vostri nomi diverrebbe il faro?
La comparsa dei vostri ricordi azzurro – chiari,
darebbe speranza agli occhi stanchi dei pesci spaventati
dal tumulto del torrente?
(Massacrata di botte dal marito per aver osato declamare i suoi versi in pubblico. Così, il 4 novembre 2005 ad Herat, nel centro occidentale dell’Afghanistan, è finita la vita di Nadia Anjuman, 25 anni, madre di una bimba di 6 mesi, ed una tra le più affermate poetesse del paese.)

6 commenti:

Artepignato ha detto...

Complimenti!!!!! Hai sempre un ottimo gusto nello scegliere le opere d'arte!!
Ivan.

Veronica ha detto...

La Poesia mi ha commosso, la Donna mi ha scosso. profondamente..
Grazie Francesca.
Tra un andare e ...un andare... ogni tanto ritorno ( è che la tua compagnia mi è grande amica...)

Francesca Vicedomini ha detto...

Grazie Ivan, spero di poterti contare tra i cari amici di questo blog.

Francesca Vicedomini ha detto...

Veronica, mi commuovi...grazie cara!

Rose ha detto...

Non so a chi abbia rivolto le sue domande accorate, questa ragazza morta troppo presto e troppo male, né se e quanti le abbiano ascoltate, ma una traccia di lei rimane dentro di noi, e non la dimenticheremo.

Un saluto a Francesca e a Veronica.

Veronica ha detto...

Grazie Rose ( naturalmente in quella "compagnia" c'è anche la tua voce...)