Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

venerdì 4 novembre 2011

A un compagno di Corrado Alvaro

Francis Luis Mora*The prayer of the women*1918
Se dovrai scrivere alla mia casa,
Dio salvi mia madre e mio padre,
la tua lettera sarà creduta
mia e sarà benvenuta.
Così la morte entrerà
e il fratellino la festeggerà.
Non dire alla povera mamma
che io sia morto solo.
Dille che il suo figliolo
più grande, è morto con tanta
carne cristiana intorno.
Se dovrai scrivere alla mia casa,
Dio salvi mia madre e mio padre,
non vorranno sapere
se sono morto da forte.
Vorranno sapere se la morte
sia scesa improvvisamente.
Dì loro che la mia fronte
è stata bruciata là dove
mi baciavano, e che fu lieve
il colpo, che mi parve fosse
il bacio di tutte le sere.
Dì loro che avevo goduto
tanto prima di partire,
che non c'era segreto sconosciuto
che mi restasse a scoprire;
che avevo bevuto, bevuto
tanta acqua limpida, tanta,
e che avevo mangiato con letizia,
che andavo incontro al mio fato
quasi a cogliere una primizia
per addolcire il palato.
Dì loro che c'era gran sole
pel campo, e tanto grano
che mi pareva il mio piano;
che c'era tante cicale
che cantavano; e a mezzo giorno
pareva che noi stessimo a falciare,
con gioia, gli uomini intorno.
Dì loro che dopo la morte
è passato un gran carro
tutto quanto per me;
che un uomo, alzando il mio forte
petto, avea detto: Non c'è
uomo più bello preso dalla morte.
Che mi seppellirono con tanta
tanta carne di madri in compagnia
sotto un bosco d'ulivi
che non intristiscono mai;
che c'è vicina una via
ove passano i vivi
cantando con allegria.
Se dovrai scrivere alla mia casa,
Dio salvi mia madre e mio padre,
la tua lettera sarà creduta
mia e sarà benvenuta.
Così la morte entrerà
e il fratellino la festeggierà.
(Ai tanti morti giovani della Grande Guerra)

4 commenti:

Veronica ha detto...

Struggente!

p.s.Ottima giornata alle persone care di questo Blog: un bacio a a Francesca ( splendente tra i suoi fiori) e Rose. A Gianrico ( sempre nel mio cuore) un abbraccio speciale...

Francesca Vicedomini ha detto...

E uno stretto abbraccio a te cara!

Ardea Cinerea ha detto...

Merci Veronica, un caro saluto a tutti voi.

Rose ha detto...

Corrado Alvaro era un giovane soldato della Grande Guerra. Sapeva come fosse difficile consolare chi aveva perduto un figlio.
Per farlo usa il linguaggio familiare e vi versa una dolcezza straziante.

Ricambio il saluto di Veronica e le invio un volo di farfalle.

Venerdì velato e tiepido. Buona fine di settimana a tutti.