Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

venerdì 1 aprile 2011

La sepoltura dei morti di Thomas Stearns Eliot

Fred Varley/Alice Massey/1925
Aprile è il mese più crudele, genera
Lillà da terra morta, confondendo
Memoria e desiderio, risvegliando
Le radici sopite con la pioggia della primavera.
L'inverno ci mantenne al caldo, ottuse
Con immemore neve la terra, nutrì
Con secchi tuberi una vita misera.
L'estate ci sorprese, giungendo sullo Starnbergersee
Con uno scroscio di pioggia: noi ci fermammo sotto il
colonnato,
E proseguimmo alla luce del sole, nel Hofgarten,
E bevemmo caffè, e parlammo un'ora intera.
Bin gar keine Russin, stamm' aus Litauen, echt deutsch.
E quando eravamo bambini stavamo presso l'arciduca,
Mio cugino, che mi condusse in slitta,
E ne fui spaventata. Mi disse, Marie,
Marie, tieniti forte. E ci lanciammo giù.
Fra le montagne, là ci si sente liberi.
Per la gran parte della notte leggo, d'inverno vado nel
sud.
Quali sono le radici che s'afferrano, quali i rami che
crescono
Da queste macerie di pietra? Figlio dell'uomo,
Tu non puoi dire, né immaginare, perché conosci
soltanto
Un cumulo d'immagini infrante, dove batte il sole,
E l'albero morto non dà riparo, nessun conforto lo
stridere del grillo,
L'arida pietra nessun suono d'acque.
C'è solo ombra sotto questa roccia rossa,
(Venite all'ombra di questa roccia rossa),
E io vi mostrerò qualcosa di diverso
Dall'ombra vostra che al mattino vi segue a lunghi passi,
o dall'ombra
Vostra che a sera incontro a voi si leva;
In una manciata di polvere vi mostrerò la paura.
Frisch weht der Wind
Der Heimat zu
Mein Iriscb Kind,
Wo weilest du?
"Fu un anno fa che mi donasti giacinti per la prima
volta;
"Mi chiamarono la ragazza dei giacinti."
- Eppure quando tornammo, a ora tarda, dal giardino
dei giacinti,
Tu con le braccia cariche, con i capelli madidi, io non
 potevo
Parlare, mi si annebbiavano gli occhi, non ero
Né vivo né morto, e non sapevo nulla, mentre guardavo
 il silenzio,
Il cuore della luce.
Oed' und leer das Meer.
Madame Sosostris, chiaroveggente famosa,
Aveva preso un brutto raffreddore, ciononostante
E' nota come la donna più saggia d'Europa,
Con un diabolico mazzo di carte. Ecco qui, disse,
La vostra carta, il Marinaio Fenicio Annegato
(Quelle sono le perle che furono i suoi occhi. Guardate!)
E qui è la Belladonna, la Dama delle Rocce,
La Dama delle situazioni.
Ecco qui l'uomo con le tre aste, ecco la Ruota,
E qui il mercante con un occhio solo, e questa carta,
Che non ha figura, è qualcosa che porta sul dorso,
E che a me non è dato vedere. Non trovo
L'Impiccato. Temete la morte per acqua.
Vedo turbe di gente che cammina in cerchio.
Grazie. Se vedete la cara Mrs. Equitone,
Ditele che le porterò l'oroscopo io stessa:
Bisogna essere così prudenti in questi giorni.
Città irreale,
Sotto la nebbia bruna di un'alba d'inverno,
Una gran folla fluiva sopra il London Bridge, così tanta,
Ch'io non avrei mai creduto che morte tanta n'avesse
disfatta.
Sospiri, brevi e infrequenti, se ne esalavano,
E ognuno procedeva con gli occhi fissi ai piedi.
Affluivano
Su per il colle e giù per la King William Street,
 Fino a dove Saint Mary Woolnoth
segnava le ore
Con morto suono sull'ultimo tocco delle nove.
Là vidi uno che conoscevo, e lo fermai, gridando:
" Stetson!
"Tu che eri a Mylae con me, sulle navi!
"Quel cadavere che l'anno scorso piantasti nel giardino,
"Ha cominciato a germogliare? Fiorirà quest'anno?
"Oppure il gelo improvviso ne ha danneggiato l'aiola?
"Oh, tieni il Cane a distanza, che è amico dell'uomo,
scoperto!
"Tu, hypocrite lecteur! - mon semblable, - mon frère!"
(La terra desolata)

4 commenti:

Anonimo ha detto...

1975,
un biglietto del tram,
Stormy Six
la sepoltura dei morti

bella canzone basata su questa poesia.

GUJIL

Ardea Cinerea ha detto...

Siamo un precipitato, il risultato di una caduta.
"Un desiderio infinito e immortale in una sostanza finita e mortale."

Francesca Vicedomini ha detto...

Non potevo farvi mancare questa prelibatezza, anche perchè, ieri a una bancarella dell'usato, per € 4,50 ho portato a casa un Eliot, un Quasimodo e un Auden. Mica male come bottino del giorno.
Grazie Gujil, e buon w.e. a tutti!
P.s. Ho dovuto fare in due parti, altrimenti era davvero troppo lungo e antiestetico! Perdonate!

Francesca Vicedomini ha detto...

Abbiamo scritto in ontemporanea Gianrico, fammi sapere per le tue poesie.