Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

lunedì 2 maggio 2011

Il mio Maggio di Vladimir Majakovskij

Sophia Dragomirova/Repin/1882
A tutti,
a quanti, spossati dalle macchine,
si sono riversati per le strade,
a tutti,
alle schiene sfinite dalla terra
e che invocano una festa,
il primo maggio!
Al primo fra tutti i maggi
andiamo incontro, compagni,
con la voce affratellata nel canto.
E' mio il mondo con le sue primavere.
Sciogliti in sole, neve!
Io sono operaio,
è mio questo maggio!
Io sono contadino,
questo maggio è mio!
A tutti
A quelli che, scatenata l'ira delle trincee,
si sono appostati in agguati omicidi,
a tutti,
a quelli che dalle corazzate
sui fratelli
hanno puntato le torri coi cannoni,
il primo maggio!
Al primo fra tutti i maggi
andiamo incontro,
allacciando le mani disgiunte dalla guerra.
Taci, ululato del fucile!
Chètati, abbaiare della mitragliatrice!
Sono marinaio,
è mio questo maggio!
Sono soldato,
questo maggio è mio!
A tutte
le case,
le piazze,
le strade,
strette dall'inverno di ghiaccio,
a tutte
le fameliche
steppe,
alle foreste,
alle messi,
il primo maggio!
Salutate
il primo fra tutti i maggi
con una piena
di fertilità, di primavere,
di uomini!
Verde dei campi, canta!
Urlo delle sirene, innalzati!
Sono il ferro,
è mio questo maggio!
Sono la terra,
questo maggio è mio!
(1922)

11 commenti:

Ardea Cinerea ha detto...

Dipingere la Vanità

Dipingere non delle vanità ma la Vanità. Vanità di tutto, della realtà, dell'uomo, dei suoi sogni, delle sue voglie, delle sue speranze, della pittura stessa. Vanità del gesto che traccia e che descrive una realtà già vuota in se stessa. Pittura, vanità di vanità.
In un gioco di riflessi, il supporto mostra l'inconsistenza dell'immagine e di ciò che essa rappresenta; l'immagine mostra il carattere impermanente, irreale, della materia - in apparenza solida - del supporto. Tutto scorre incessantemente, ogni cosa non sussiste che come memoria, sopravvivenza labile di questa realtà che la pittura, pur ri-presentandola, non riesce a trattenere. Ogni Bellezza è velata di malinconia, nella coscienza nascosta d'essere irrimediabilmente votata a scomparire. È così che per gli spiriti più profondi questa coscienza si muta in una ricerca incessante di ciò che è capace di resistere o di oltrepassare questa degradazione e l'opera distruttrice del tempo.

Buona giornata a tutti,
G.

Rose ha detto...

Ieri sera ho rivisto "Il Gattopardo" di Visconti; oggi il blog di Francesca, con un Majakovskij vitale e battagliero, e Ardea con le sue intense riflessioni (un eco di Filippo Neri?): mi va più che bene. Grazie.

Il maggio italiano ha ancora bisogno di inverno.

Ardea Cinerea ha detto...

Troppo onore Rose... solo farina del mio sacco. Sacchetto, per meglio dire...

Ardea Cinerea ha detto...

Francesca, ci vorrebbe un ritratto con quella giacca rosa... (no non sono un piazzista :-) fa un po' XVIIIème...

Rose ha detto...

Ardea, non è troppo onore!

Appoggio la proposta di ritratto: anche a me piace Francesca in giacca rosa-rossa!

Francesca Vicedomini ha detto...

Non mi sfidate, con le redingote potrei farvi impallidire ahahah, ne ho una settecentesca a coda di rondine, con gli alamari, bellissima (la mia debolezza...)
Vi voglio bene. Grazie!

Francesca Vicedomini ha detto...

..e grazie per tutto quello che scrivete, anche con fatica e impegno, qui.

Ardea Cinerea ha detto...

A furor di popolo, vogliamo la redingote! È 'o popolo che 'o 'vvò! Scherzi a parte, ovemai ti pungesse vaghezza di farti fare un ritratto, mi offendo se non lo fai fare a me :-)
Grazie a te carissima...

Rose ha detto...

Anch'io voto per la redingote!
Non scherzo, Francesca: è un capo arcielegante che sarei curiosissima di vedere, e sono sicura che tu la indossi con uno charme non comune!
Unisco alla raffinata richiesta di Ardea un coraccio da stadio, più consono al mio temperamento: Re-din-go-te! Re-din-go-te

Francesca Vicedomini ha detto...

Ah, mia nipote mi ha ripresa, redingote non si usa più dai tempi delle guerre puniche (parole testuali), oggi si chiama spolverino!
Se fate i bravi un bel giorno vi farò vedere la mia redingote (alla faccia della nipotina)
Gianrico, non avevo mai pensato a un ritratto, come puoi vedere, i ritratti sono tra i miei preferiti riguardo la pittura (e quelli femminili in particolare). Ti terrò presente! Siete molto cari.

Ardea Cinerea ha detto...

Io lavoro nello stile del '600, sono in linea con la teminologia e con l'abito ;-)
Segnami tra i buoni sulla lavagna...