Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese,
quando partisti, come son rimasta,
come l'aratro in mezzo alla maggese.

lunedì 17 gennaio 2011

Giaculatoria alla neve di Amado Nervo

Paul Fischer/A street scene in winter/Copenhagen 1901 Che miracolosa è la Natura!
Dunque, non dà luce la neve? Immacolata
e misteriosa, tremula e silenziosa,
mi sembra che silenziosamente preghi
mentre scende.... Oh nevicata!:
la tua imponderabile e glaciale eucaristia
oggi del peccato di vivere mi assolva
e faccia che, come tu, la mia anima giri
fulgida, bianca, silenziosa e fredda.
*************************************
¡Qué milagrosa es la Naturaleza!
Pues, ¿no da luz la nieve? Inmaculada
y misteriosa, trémula y callada,
paréceme que mudamente reza
al caer... ¡Oh nevada!:
tu ingrávida y glacial eucaristía
hoy del pecado de vivir me absuelva
y haga que, como tú, mi alma se vuelva
fúlgida, blanca, silenciosa y fría.

6 commenti:

Luigi ha detto...

bella, bella, bella

hai una notevole capacità di trovare perle, una più bella dell'altra...

Rose ha detto...

Sono d'accordo con Luigi.
Piace molto anche a me questa giaculatoria.
E a proposito della neve che dà luce, lo sanno bene gli scandinavi e i popoli del nord, che quando la terra è coperta di bianco l'inverno senza sole si illumina.

Ardea Cinerea ha detto...

Una sintesi... come il bianco è una sintesi dei colori, ci sentiamo riunificati, reintegrati in quel freddo e in quel silenzio... con noi stessi e con la realtà.

asia ha detto...

.. il silenzio ovattato dei fiocchi
la neve arriva come una tigre
a passi felpati e disegna merletti incandescenti


la neve fredda
la neve calda
la neve bollente
meraviglioso mantello bianco che ricoprendo il paesaggio lo avvolge in un'atmosfra buona e calda come il pane fresco.
In un'atmosfera antica come quando sui tetti delle case la neve sembra un burro benedetto,uno strato di imbottitura carismatica che emana luce.La neve é la schiuma dei miei pensieri quando cerco un amore lontano. La neve é una città di frontiera, una linea misteriosa, perché, ancora prima di essere creato, il mondo era già racchiuso in un fiocco di neve, e non posso descrivere lo stupore non privo di dolore nel quale il mio cuore danza contemplando la neve..
ciao

viola ha detto...

Splendida questa poesia sulla neve, e qui ci sta bene anche la traduzione, la poesia è corta e leggera e lo spagnolo lo si capisce

Buon anno e buon gennaio ciao Francesca:)

Francesca Vicedomini ha detto...

Grazie a tutti.
Prometto di smetterla presto con la neve. Ma non oggi.
Buon martedì supernebbioso.